Binasco 2000  |   Informazioni  |   Album

Portici è un servizio di community offerto da Binasco2000:
* Per le caratteristiche del servizio, Binasco2000 non può essere considerata responsabile del contenuto delle conversazioni: gli utenti sono gli unici responsabili del loro comportamento nei confronti del servizio stesso, degli altri partecipanti e di terzi.
* Gli amministratori e gli operatori di Binasco2000 possono (ma non ne sono obbligati) intervenire per impedire l'accesso a utenti che hanno un comportamento scorretto.
* E' buona norma che i minorenni non siano "abbandonati" dai genitori durante la navigazione in Rete.


Regole e modalità di inserimento 'voce' -  CLICCA QUI

Utilizzo dei link colorati:
Commenta - per scrivere un post sullo stesso argomento
Vedi solo questo argomento - per visualizzare SOLO i post con lo stesso titolo
Vedi tutti gli argomenti - per visualizzare TUTTI i post
Per introdurre un nuovo argomento cliccare su SCRIVI



Elenco degli ultimi interventi, clicca sul titolo per visualizzare quello che ti interessa
DEBITO FUORI BILANCIO LISTA BENVEGNU´ OLTRE 200 MILA EURO
Il Rivoluzionario
I Gufi
inciviltà
April, 25
Gorilla
Chimera
Barche Amorrate
La Pioggia nel Pineto
Ieri
Amur del Temp
Pasqua
Vorrei
Lieve Offerta
La morte della Primavera
In epitaphium eius
Ode XXXVIII
Paradossalmente e con Affanno
In Memoria
2021
Poesia
DONNA
DONNA
Vogliono i Russi la guerra?
finalmente
finalmente
finalmente
finalmente
finalmente
finalmente
Son di razza siberiana
Bellezza
piero
... Paradossalmente e ....
Il Silenzio
Il Silenzio
Il Silenzio
Il Silenzio
Il Silenzio
Essere in scena --
Vai a Portici Anno 2000

Voci più recentiVoci più vecchie
8 Dicembre 2020
Canti XIII
Commenta   Vedi tutti gli argomenti


Dolce e chiara è la notte senza vento,
E questa sovra i tetti e in mezzo agli orti
Posa la luna, e di lontani rivela
Serena ogni montagna. O donna mia,
Già tace ogni sentiero, e pei balconi
Rara traluce la notturna lampa
Tu dormi, che t'accolse agevol sonno
Nelle tue chete stanze; e non ti morde
Cura nessuna; e già non sai né pensi
Quanta piaga m'apristi in mezzo al petto.
Tu dormi: io questo ciel che si benigno
Appare a vista, a salutar m'affaccio,
E l'antica natura onnipresente
Che mi fece nell'affanno. A te la speme
Nego, mi disse, anche la speme; e d'altro
Non brillin gli occhi tuoi se non di pianto.
Questo dì fu solenne, or da' trastulli
Prendi riposo; e forse ti rimembra
In sogno a quanti oggi piacesti, e quanti
Piacquero a te: non io, non già ch'io speri,
Al pensier ti ricorro. Intanto io chieggo
Quanto a viver mi resti, e qui per terra
Mi getto, e guido, e fremo. Oh giorni orrendi
In così verde estate! Ahi, per la via
Odo non lunge il solitario canto
Dell'artigian, che riede a tarda notte,
Dopo i sollazzi, al suo povero ostello,
E fieramente mi stringe il core,
A pensar come tutto il mondo passa,
E quasi ormai non lascia. Ecco è fuggito
Il dì festivo ed al festivo il giorno
Volgar succede, e se ne porta il tempo
Ogni umano accidente? Or dov'è il grido
De' nostri avi famosi, e il grande impero
Di quella Roma, e l'anni, e il fragorio
Che n'andò per la terra e l'oceano?
Tutto è pace e silenzio, e tutto posa
Il mondo, e più di lor non si ragiona,
Nella mia prima età, quando s'aspetta
Bramosamente il dì festivo, or poscia
Ch'egli era spento, io doloroso, in veglia,
Premea le piume, ed alla tarda notte
Un canto che s'udia per li sentieri
Lontanando morire a poco a poco,
Già similmente mi stringeva il core.

- La sera del dì di festa -
Giacomo LEOPARDI
Voci più recentiVoci più vecchie