Binasco 2000  |   Informazioni  |   Album

Portici è un servizio di community offerto da Binasco2000:
* Per le caratteristiche del servizio, Binasco2000 non può essere considerata responsabile del contenuto delle conversazioni: gli utenti sono gli unici responsabili del loro comportamento nei confronti del servizio stesso, degli altri partecipanti e di terzi.
* Gli amministratori e gli operatori di Binasco2000 possono (ma non ne sono obbligati) intervenire per impedire l'accesso a utenti che hanno un comportamento scorretto.
* E' buona norma che i minorenni non siano "abbandonati" dai genitori durante la navigazione in Rete.


Regole e modalità di inserimento 'voce' -  CLICCA QUI

Utilizzo dei link colorati:
Commenta - per scrivere un post sullo stesso argomento
Vedi solo questo argomento - per visualizzare SOLO i post con lo stesso titolo
Vedi tutti gli argomenti - per visualizzare TUTTI i post
Per introdurre un nuovo argomento cliccare su SCRIVI



Elenco degli ultimi interventi, clicca sul titolo per visualizzare quello che ti interessa
LaTua Voce
Quattro Birre
Gesto ambiguo
Non ti vedo
#abortolegal
Le temp
27FEBBRAIO 2024 AUGURI RADIO HINTERLAND 1978-2024
27 FEBBRAIO 2024 BINASCO2000-2024 AUGURI AL SITO
27FEBBRAIO 2024 AUGURI RADIO HINTERLAND 1978-2024
27 FEBBRAIO 2024 BINASCO2000-2024 AUGURI AL SITO
Devo fare pace
Sciamano
Canzonetta
Gorilla
Sfida
Fuori Bolla
Gli ex ministri
Le cose eterne
New Deal
Svuotamento
Invano
Cori e canzoni Natalizie
Arriverà Natale
13 DICEMBRE 2023 SANTA LUCIA ONOMASTICO
11/12/2023 BINASCO PISTA PATTINAGGIO
Ricerca contabile con esperienza
Consapevolezza amara
Saluto
Per una bambina
(...)
La via del Calvario
Aria
Dopo la Pioggia
Unità di spazio
Canta il Sogno del Mondo
Inevitabile
Inevitabile
Unità di spazio
Inevitabile
Carburo
Vai a Portici Anno 2000

Voci più recentiVoci più vecchie
24 Luglio 2023
Inevitabile
Commenta   Vedi solo questo argomento


Sono partiti a uno a uno. Noi aspettavamo. Non sono tornati.
Com'è che ci abituiamo a tanta separazione?
Né monti, né alberi, né case,
e nessun uomo; dimenticati anche i nomi,
e il grigio disteso fin dentro, perfino sulle pagine scritte.
Soltanto, sul prato secco con gli spini gialli
è spuntata una rosa come per sbaglio. Di notte
ricordalo questo, quando guarderai lontane sul mare
le tre piccole luci ambulanti. Ricordalo.
Oh, chiaro di luna triste, incurabile, tienimi con te.
Ghiannis Ritsos
20 Luglio 2023
Carburo
Commenta   Vedi solo questo argomento


... salta il barattolo di carburo,
schizza, credo, come una bomba,
un fuoco d'artificio, ma con pericolo,
con rischio grave per la vista (Altri
lo giocano nell'acqua per un effetto strano,
come friggesse)(il braccio destro
l'aveva rattrappito, diceva,
per un pentola d'acqua bollente, e divertito,
e un po' carogna, se lo spogliava per farmi spaventare ... )

Maurizio CUCCHI
19 Luglio 2023
La villeggiatura
Commenta   Vedi solo questo argomento


Ricordo i tramonti sul greto del fosso sdraiato nell'erba con gli amici, tutti stanchi della giornata, guardavamo, ognuno col suo silenzio, il sole che tramontava rapiti dal gioco dei colori sulla campagna e nell'acqua del fosso. Possiamo trasportare il tutto sul fiume, l'azzurro Ticino.
La sera dopo la minestra tutti sul muretto del Castello (abbiamo anticipato Alassio anche se non c'erano le ragazze) a raccontar storie di fantasia dette come vere. C'era anche un po' di poesia con uno sguardo verso il futuro.
J.J.Z.
17 Luglio 2023
La villeggiatura
Commenta   Vedi solo questo argomento


... C'era una volta la vacanza estiva che durava dai due ai tre mesi. Tanti partivano addirittura ad inizio giugno o ai primi di luglio e tornavano a metà settembre.
... Tanti rimanevano all'Oratorio dove non c'era neanche un Prete per chiaccherare; frequentavano i campi, i boschi e il bagno lo facevano nei fossi, imparavano a pescare con la bacchetta o a mani nude; si viaggiava in bici, quasi sempre in due perché non tutti avevano la bicicletta. I più fortunati potevano usufruire dei 10 giorni al mare con "La colonia" e a Settembre i tre giorni in monntagna con "Gli esercizi spirituali".
... Tanti in età di scuola media o primi anni di superiori passavano i primi due mesi a fare il "garzone" per racimolare qualche soldo che tenevano al risparmio per comprarsi la bicicletta o il motorino.
Una cosa è certa: eravamo tutti più semplici, sia chi aveva la possibilità di fare il bagno al mare per tre mesi e chi il bagno lo faceva nei fossi; non so se la società era migliore, ma di sicuro esisteva il rispetto e la solidarietà. Ed è vero è stata una fortuna ed un'esperienza vivere quegli anni perché, se anche la vita era dura tutto ciò che ti girava attorno era vero, anche la debolezza umana che non si perde nel tempo.
Io che non conosco il Webb
15 Luglio 2023
La villeggiatura
Commenta   Vedi solo questo argomento


C'era una volta la vacanza estiva che durava dai due ai tre mesi. Aveva un nome obsoleto ed in disuso, "la villeggiatura".
Tanti partivano addirittura ad inizio giugno od ai primi di luglio e tornavano a metà settembre. L' autostrada era una fila di Fiat 850, 600, 1100, 127, 500 e 128, Maggiolini e Prinz. Era tutto più semplice e più vero.
La vacanza durava talmente tanto che avevi la nostalgia di tornare a scuola e di rivedere gli amici del tuo quartiere, ed al ritorno non ricordavi quasi più dove abitavi.
La mattina in spiaggia la 50 lire per sentire le canzoni dell'estate nel juke box o per comprare coca cola e pallone.
Si mandavano le cartoline che arrivavano ad ottobre ma era un modo per augurare "Buone vacanze da..." ad amici e parenti.
Malgrado i 90 giorni ed oltre di ferie, l'Italia era la terza potenza mondiale, le persone erano piene di valori e il mare era pulito.
Si era felici, si giocava tutti insieme, eravamo tutti uguali e dove mangiavano in quattro mangiavano anche in cinque, sei o più.
Nessuno aveva da studiare per l'estate e l'unico problema di noi ragazzi era non bucare il pallone, non rompere la bicicletta e le ginocchia giocando a pallone altrimenti quando rientravi a casa ti prendevi pure il resto.
Il tempo era bello fino al 15 di Agosto, il 16 arrivava il primo temporale e la sera ci voleva il maglioncino perchè era più fresco.
Intanto arrivava settembre, tornava la normalità.
Si ritornava a scuola, la vita riprendeva, l'Italia cresceva e il primo tema a scuola era sempre.
"Parla delle tue vacanze". Oggi è tutto cambiato, diverso. La vacanza dura talmente poco che quando torni non sai manco se sei partito o te lo sei sognato.
E se non vai ai Caraibi a Sharm o ad Ibiza sei uno sfigato. O magari hai tante cose da fare che forse è meglio se non parti proprio, ti stressi di meno.
Una risposta certa è che allora eravamo tutti più semplici, meno viziati e tutti molto più felici, noi ragazzi e pure gli adulti. La società era migliore, esisteva l’amore, la famiglia, il rispetto e la solidarietà. Fortunati noi che abbiamo vissuto così.
La vita era quella vera

dal web
11 Luglio 2023
Il Matto
Commenta   Vedi solo questo argomento


Che menzogne s'inventa l'uomo per conservarsi
un posticino su questa terra. Di sera
si allontanano i vigili, chiudono i negozi,
a occidente si animano le stelle. E più tardi
si ode il matto del quartiere col berretto rosso
che sulla strada fangosa canta una canzone triste,
una canzone infantile con molte molte rughe.
Ghiannis Ritsos
29 Giugno 2023
Dialogo tra il poeta e la morte
Commenta   Vedi solo questo argomento


O Morte! So che sei già qui. Abbi un po'di pazienza.
Sono le tre. Andremo quando se n'andranno le stelle?
quando canteranno i galli? quado la prima luce
squillerà con la sua cornetta della sierra?
quando aprirà il sole una fessura violacea tra cielo e terra?
Né quando dirai Tu né quando vorrò io.
Sono venuto per scrivere il testamento. Quando avrò scritto l'ultima bestemmia,
mi cadrà la penna, si romperà il calamaio senza che nessuno lo muova,
si verserà l'inchiostro e, senza che Tu la spinga, si spalancherà la porta.
Allora andremo. Intanto...
appendi la tua falce, con la mia mazza, all'attaccapanni dell'ingresso e siediti
... Siediti e aspetta!
Léon Felipe
23 Giugno 2023
21 GIUGNO2023 SAN LUIGI
Commenta   Vedi solo questo argomento


Luigi, vago giglio di candore immacolato..
Un saluto e una preghiera a San Luigi Gonzaga
giovane tre i giovani.
J.J.Z.
21 Giugno 2023
21 GIUGNO2023 SAN LUIGI
Commenta   Vedi solo questo argomento


buon onomastico a tutti i luigi di binasco
lucio
11 Giugno 2023
Amica
Commenta   Vedi solo questo argomento


Per cristallo ti voglio
tu nitida, tu chiara.
Per guardare attraverso
di te il mondo, puro,
di fuliggine o di bellezza,
come lo inventa il giorno.
La tua presenza qui, sì,
davanti a me, sempre,
(...) pero invisile siempre,
senza ch'io ti veda, e vera.
Cristallo. Mai specchio.
Pedro Salinas
4 Giugno 2023
Raison d´etre
Commenta   Vedi solo questo argomento


Sull'occhio dietro la nube della luna
su di te il cui tocco su un cuore Stradivari fa arrossire
il coro degli angeli
su Mr. Eros che calpesta le rose-del-sole
e siede fra i salici
a piangere
sugli olivi
sui vibranti rossi, neri, ori luminosi della
decadenza
sulla forza del silenzio e i vantaggi della
incoscienza
sull'Eclisse Rosa
sul geyser nella coppa del gabinetto
sulla cinica virgola
sulla pazzia stessa
le incertezze d'impiego degli artisti
sul catcher preso nel suo guantone
sul petrolio e l'opale, il sangue e le ossa
della terra
sul tocco di ferro dietro guanti rosa
su inciviltà in pensione sprofondate sotto livelli
brillanti di rugginoso splendore
su me stesso
sventolo la bandiera raison d'etre.

Oliver PITCHER
1 Giugno 2023
Viaggio
Commenta   Vedi solo questo argomento



Arrivai a Milano costeggiando i navigli;
molti disperati popolavano la riva
e nella loro follia parlavano di quiete.
Cercavo di afferrare la mia immagine nelle torbide acque
Prima di cadere e affondare
nel mio fato battesimale.
Il resto era palude, palafitte,
mercanti di ogni tipo,
ricercatori di cornamuse
perse nella notte dei tempi.

Un’aborigena mi prese per mano
portandomi nel suo nido,
la fecondai fino all’ultima covata.
Dandole fino alle ultime forze
mi trovai con le spalle
scagliate su questa terra
pensai fosse la mia tomba,

ma il cielo si aprì
mostrandomi la costellazione.
Le campane del duomo
raddoppiavano il loro rintocco
dandomi il benvenuto,
mettendomi nelle tasche le loro leggi
e sulla fronte un marchio.




J. Manuel Serante Cristal
1 Giugno 2023
Addio ...
Commenta   Vedi solo questo argomento


Addio monti sorgenti dall’acque, ed elevate al cielo;
cime ineguali, note a chi è cresciuto tra voi,
e impresse nella sua mente,
non meno che lo sia l’aspetto de’ suoi familiari;
torrenti, de’ quali distingue lo scroscio,
come il suono delle voci domestiche;
ville sparse e biancheggianti sul pendio,
come branchi di pecore pascenti;.. addio!

Quanto è tristo il passo di chi,
cresciuto tra voi, se ne allontana!
Alla fantasia di quello stesso
che se ne parte volontariamente,
tratto dalla speranza di fare altrove fortuna,
si disabbelliscono, in quel momento
i sogni della ricchezza;
egli si meraviglia d’essersi potuto risolvere,
e tornerebbe allora indietro,
se non pensasse che, un giorno,
tornerà dovizioso.

Quanto più s’avanza nel piano,
il suo occhio si ritira,
disgustato e stanco, da quell’ampiezza uniforme;
l’aria gli par gravosa e morta;
s’inoltra mesto e disattento nelle città tumultuose;
le case aggiunte a case,
le strade che sboccano nelle strade, pare che levino il respiro;
e davanti agli edifizi ammirati dallo straniero, pensa,
con desiderio inquieto, al campicello del suo paese,
alla casuccia a cui ha già messi gli occhi addosso, da gran tempo,
e che comprerà, tornado ricco a’ suoi monti.

- verso il 1800 o su di li -
Manzoni Alessandro
28 Maggio 2023
Ancora una cosa
Commenta   Vedi solo questo argomento


Tutto non sciolto, inestricabile - dice. Conoscenze sparse accumulate,
codici, leggi, archivi, carte d'identità, libri -
Chi sei? chi sono? dove e quando?
fino a quando e perché? Nessuno risponde. Tuttavia
dici ancora "buongiorno", "buonanotte", mentre nel vecchio caffè,
dietro i vetri appannati, scorgi
i due marinai in pensione che giocano a scacchi.
Sul tavolino accanto, vuoto, è posata una rosa rossa.

Ghiannis Ritsos
21 Maggio 2023
Le Arti
Commenta   Vedi solo questo argomento


Tutte le arti
concorrono a
realizzarne una sola,
la più difficile,
quella di vivere
B.B.
20 Maggio 2023
una "bella giornata"
Commenta   Vedi solo questo argomento


una "bella giornata"
niente è successo
e niente doveva succedere
il vento ha agitato le foglie
che non sono cadute
la barca all'ormeggio non è uscita
e la pioggia è caduta
sull'erba noncurante
tutto era pieno
anche il bicchiere vuoto.

Maureen N. McLane
16 Maggio 2023
Luna piena
Commenta   Vedi solo questo argomento


Non più trono di una dea che preghiamo,
non più la bolla di sapone in cui vive
l'omino che ruzzola delle fiabe dell'infanzia,

L'enfatica luna ascende -
la brillante sfida agli esperti di razzi,
la bianca speranza degli uomini delle comunicazioni.

Alcuni che amo e che son morti
sorvegliavano la luna e sapevano i suoi usi;
piantavano sementi, si tagliavano i capelli,
Si foravano gli orecchi per cerchi d'oro di orecchini
secondo che la luna consigliava.
Essa splende stanotte sulle loro tombe.
E bruciava nel giardino dei Getsemani
la sua luce resa santa dalle lacrime abbaglianti
con cui si mescolava.
E diffuse il suo fulgore sul sentiero d'esilio
di Colui che era Il Leggiadro,
quella luce resa santa dalla sua Santità.
Già ora una meta ambita e domani forse
base militare, un livido settore,
la luna piena sovrasta l'oscurità ansiosa.
Robert E. HAYDEN
16 Maggio 2023
Sommossa per l´integrazione della scuola
Commenta   Vedi solo questo argomento


Per pura concessione intellettuale: Io Robert E. Hayden sono nato a Detroit nel 1913, fui docente di lingua Inglese alla Fisk University; di origini Afroamericane - Poeta -. Il testo "musicale" lo scrissi all'inizio degli anni '60 del secolo scorso, ispirato dagli urti di vomito causati del comportamento tenuto dalla parte civile degli Stati Uniti in relazione a manifestazioni pacifiste sorte per chiedere l'integrazione paritaria scolastica della popolazione di colore o se per lei è più consono dei negri.

GoodNight Mister
Robert E. HAYDEN
15 Maggio 2023
Sommossa per l´integrazione della scuola
Commenta   Vedi solo questo argomento


'sto Hayden qui non faceva mica musica ?
sarebbe stato meglio continuasse con quella perché sto poema l'è scarsino
Scarlatti
15 Maggio 2023
Sommossa per l´integrazione della scuola
Commenta   Vedi solo questo argomento


Non ho parole, non ho parole per questo.
Osceno, inumano, vile -
Oh, nessuna di queste, nessuna di queste basterà.
Esse zoppicano, vacillano,
mentre cittadini timorati di Dio
con Bibbie, insulti e sassi
avanzano su un bimbo che piange.
Oltraggioso, crudele - no;
questi sono piagnucoli perduti
nel clamore della folla.
Oh Musa, siimi amica ora
ch'io possa trovar sollievo
da intollerabile silenzio.
Robert E. HAYDEN
Voci più recentiVoci più vecchie