Binasco 2000  |   Informazioni  |   Album

Portici è un servizio di community offerto da Binasco2000:
* Per le caratteristiche del servizio, Binasco2000 non può essere considerata responsabile del contenuto delle conversazioni: gli utenti sono gli unici responsabili del loro comportamento nei confronti del servizio stesso, degli altri partecipanti e di terzi.
* Gli amministratori e gli operatori di Binasco2000 possono (ma non ne sono obbligati) intervenire per impedire l'accesso a utenti che hanno un comportamento scorretto.
* E' buona norma che i minorenni non siano "abbandonati" dai genitori durante la navigazione in Rete.


Regole e modalità di inserimento 'voce' -  CLICCA QUI

Utilizzo dei link colorati:
Commenta - per scrivere un post sullo stesso argomento
Vedi solo questo argomento - per visualizzare SOLO i post con lo stesso titolo
Vedi tutti gli argomenti - per visualizzare TUTTI i post
Per introdurre un nuovo argomento cliccare su SCRIVI



Elenco degli ultimi interventi, clicca sul titolo per visualizzare quello che ti interessa
Il Poeta
Conclusione
Conoscenza
Canto V
Scorie - per non dimenticare -
2021
... e con Affanno
Canti XII
Canti XIII
L´Eternità
da "Io non ho mani"
Sonetti - 4
bah
bah
Sonetti - 3
Qual´è la velocità del sogno?
Qual´è la velocità del sogno?
Avanti con i sonetti
Avanti con i sonetti
Avanti con i sonetti
Arrivederci
Qual´è la velocità del sogno?
Qual´è la velocità del sogno?
Avanti con i sonetti
Avanti con i sonetti
Sonetti - 2
Qual´è la velocità del sogno?
Qual´è la velocità del sogno?
Qual´è la velocità del sogno?
Sonetti - 1
APPELLO AL SINDACO DI BINASCO
RAGAZZI LE MASCHERINE!
RAGAZZI LE MASCHERINE!
RAGAZZI LE MASCHERINE!
(nello spazio fuori dal tempo)
mascherina ?
Salgo (nello spazio, fuori dal tempo)
Boh!
Boh!
Boh!
Vai a Portici Anno 2000

Voci più recentiVoci più vecchie
17 Dicembre 2020
Canti XII
Commenta   Vedi tutti gli argomenti



Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
E questa siepe che da tanta parte
Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando; e mi sovvien l'eterno,
E le morti stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immensità s'annega il pensier mio
E il naufragar, m'è dolce in questo mare.

- L'INFINITO -
Giacomo LEOPARDI
Voci più recentiVoci più vecchie