Binasco 2000  |   Informazioni  |   Album

Portici è un servizio di community offerto da Binasco2000:
* Per le caratteristiche del servizio, Binasco2000 non può essere considerata responsabile del contenuto delle conversazioni: gli utenti sono gli unici responsabili del loro comportamento nei confronti del servizio stesso, degli altri partecipanti e di terzi.
* Gli amministratori e gli operatori di Binasco2000 possono (ma non ne sono obbligati) intervenire per impedire l'accesso a utenti che hanno un comportamento scorretto.
* E' buona norma che i minorenni non siano "abbandonati" dai genitori durante la navigazione in Rete.


Regole e modalità di inserimento 'voce' -  CLICCA QUI

Utilizzo dei link colorati:
Commenta - per scrivere un post sullo stesso argomento
Vedi solo questo argomento - per visualizzare SOLO i post con lo stesso titolo
Vedi tutti gli argomenti - per visualizzare TUTTI i post
Per introdurre un nuovo argomento cliccare su SCRIVI



Elenco degli ultimi interventi, clicca sul titolo per visualizzare quello che ti interessa
A chi non Interessa - ma è curioso
Per chi può aver Interesse
Dal canto di Cassandra
Alla sera
11.
Andiamo fino a Betlemme
269
Auguri
il Nulla
Natività - Dylan Thomas nel sogno e nell´anima
Mendicanti
BINASCO 2018 AUGURI
Un bel Concerto
Ormai
BINASCO2018 ROTONDA
BINASCO2018 ROTONDA
BINASCO2018 CINEMA SAN LUIGI VIA LORIGA
BINASCO 2018 PISTA DA GHIACCIO
L´Istante prima del sorgere del Sole
Rotatoria
Rotatoria
Rotatoria
Gatti
Rotatoria
Rotatoria
19/11/2018ROTONDA DI BINASCO
19/11/2018ROTONDA DI BINASCO
19/11/2018ROTONDA DI BINASCO
19/11/2018ROTONDA DI BINASCO
19/11/2018 ROTONDA BINASCO
Stagioni
Strade
15/11/2018ROTATORIA BINASCO
Rotatoria
Rotatoria
Rotatoria
I miei canti ...
Non conta dire ....
Quanto ancora
17 OTTOBRE2018 ROTONDA BINASCO
Vai a Portici Anno 2000

Voci più recentiVoci più vecchie
12 Dicembre 2018
Ormai
Commenta   Vedi tutti gli argomenti


Ormai
Un giorno la giovinezza, con circospezione
abbandona arbitrariamente i capolinea. Ecco.
E io ricordo le finestre che s’accendono al pianterreno
sul vialone, e somigliano così profondamente ai radi
ragionamenti che faremo sul punto di morire,
in articulo, con l’ombra degli amici, a fior di mente.

Invero
non so più se viva tra le secche
ancora il suo tepido serpire, adesso,
in province gelate, come una romanza
fine e perenne sul filo della schiena, ma davvero
so che nelle lacrime lombarde, ove credemmo
di mieterci a vicenda, vagabondi baleni
dissipavano i veli nuziali alle riviere.

Ed era un nome d’alta Italia, a ripensare bene,
era un nome questa raffica, che non osi
più inseguire? E la felicità dell’occidente
si salva in occidente?

Disabitate ormai le alzaie, e disperando
ormai del nostro sentimento (e la nebbia
ormai mietuta che ci stringe a mezza vita),
disabitate le alzaie e disperando ormai
se la patria fosse una cittadinanza unica, reale,
andrebbe ricordata in un risucchio, a capofitto
per le celesti aiuole, la parte più dimessa
del nostro pensare lontanamente: andrebbe
ricordato uno spesso passaggio di brumisti
e di taxi, quel che tossisce sul margine caduco
del Naviglio, o libero tra le pioppe luccicanti
che i diti del vento tamburellano lassù, il brivido
dell’ultimo brum, in una corsa matta, che ci porta
via tutti i fanali e il nostro cuore salutando.

- Emilio VILLA

Lapo Giani
Voci più recentiVoci più vecchie