Binasco 2000  |   Informazioni  |   Album

Portici è un servizio di community offerto da Binasco2000:
* Per le caratteristiche del servizio, Binasco2000 non può essere considerata responsabile del contenuto delle conversazioni: gli utenti sono gli unici responsabili del loro comportamento nei confronti del servizio stesso, degli altri partecipanti e di terzi.
* Gli amministratori e gli operatori di Binasco2000 possono (ma non ne sono obbligati) intervenire per impedire l'accesso a utenti che hanno un comportamento scorretto.
* E' buona norma che i minorenni non siano "abbandonati" dai genitori durante la navigazione in Rete.


Regole e modalità di inserimento 'voce' -  CLICCA QUI

Utilizzo dei link colorati:
Commenta - per scrivere un post sullo stesso argomento
Vedi solo questo argomento - per visualizzare SOLO i post con lo stesso titolo
Vedi tutti gli argomenti - per visualizzare TUTTI i post
Per introdurre un nuovo argomento cliccare su SCRIVI



Elenco degli ultimi interventi, clicca sul titolo per visualizzare quello che ti interessa
Istante
Il ministro
La pace delle cose selvagge
Uccidere è facile
Sul finire della sera
Che mangiata!
Che mangiata!
Che mangiata!
Strage di alberi - Stati d´animo
Strage di alberi - Stati d´animo
Vento
Il ministro
Preghiera politica
Sporcizia
Sporcizia
Sporcizia
Più che puoi
La grazia
Vento
Immagine fiabesca
Immagine fiabesca
La menta
Luglio
83 secondo componimento
Immagine fiabesca
Immagine fiabesca
24 LUGLIO 2019
Immagine fiabesca
Immagine fiabesca
Immagine fiabesca
Primi Astronauti
L´Ignorante
Ciò che ti offro
Luglio
Scrivimi
Luglio
La luce, mutata
Amleto a Roma
Rinvio calcolato
I Tempi nuovi
Vai a Portici Anno 2000

Voci più recentiVoci più vecchie
16 Luglio 2019
Luglio
Commenta   Vedi solo questo argomento


Un'Estate fa,
la storia di noi due,
come nelle favole.
Poi tu,
non cantavi più,
io lavoravo ancora più forte
e
la nostra estate
finiva li,
dentro un temporale
in storie per bambini.
La Formica
4 Luglio 2019
Scrivimi
Commenta   Vedi solo questo argomento


Scrivimi
Quando il vento avrà spogliato gli alberi
Gli altri sono andati al cinema
Ma tu vuoi restare sola
Poca voglia di parlare allora
Scrivimi
Servirà a sentirti meno fragile
Quando nella gente troverai
Solamente indifferenza
Tu non ti dimenticare mai di me
E se non avrai da dire niente di particolare
Non ti devi preoccupare
Io saprò capire
A me basta di sapere
Che mi pensi anche un minuto
Perché io so accontentarmi anche di un semplice saluto
Ci vuole poco
Per sentirsi più vicini
Scrivimi
Quando il cielo sembrerà più limpido
Le giornate ormai si allungano
Ma tu non aspettar la sera
Se hai voglia di cantare
Scrivimi
Anche quando penserai che ti sei innamorata
Se non sai come dire
Se non trovi le parole
Non ti devi preoccupare
Io saprò capire
A me basta di sapere
Che mi pensi anche un minuto
Perché io so accontentarmi anche di un semplice saluto
Ci vuole poco
Per sentirsi più vicini
Scrivimi
Anche quando penserai
Che ti sei innamorata
Tu scrivimi
Nino
1 Luglio 2019
Luglio
Commenta   Vedi solo questo argomento


col bene che voglio, purtroppo finirai hai...hai...hai..
arriverà poi agosto e la vacanza finirà ha..ha...ha...ha!
settembre poi verrà e tutto passerà … a scuola, al lavoro o sotto il Castello
la vita ritornerà ..... Ah!..Ah...Ah!....
Ciao e, ... buone vacanze
La Cicala
28 Giugno 2019
La luce, mutata
Commenta   Vedi solo questo argomento



Non ci vediamo più nella stessa luce,
Non abbiamo più gli stessi occhi, le stesse mani.
L’albero è più vicino, e la voce delle fonti più viva,
I nostri passi sono più profondi, fra i morti.

Dio che non sei, posa la mano sulla nostra spalla,
Sgrossa il nostro corpo col peso del tuo ritorno,
Mescola compiutamente alle nostre anime gli astri,
Le selve, i gridi degli uccelli, le ombre e i giorni.

Rinuncia a te stesso in noi come un frutto si sfrange,
Cancellaci in te. Disvelaci
Il senso misterioso di ciò che è solo semplice
E sarebbe caduto senza fuoco in parole senza amore.




Yves BONNEFOY
27 Giugno 2019
Amleto a Roma
Commenta   Vedi solo questo argomento



Portano le loro teste mozze nei sacchetti del supermercato.
E io stringo i pugni. Ho le tasche piene di pietre.
Figlio mio, Andrjusa, mi vergogno a trovarmi di fronte a te.Dovunque mietono vite.
La tua vita nella mia anima. La mia anima si rannuvola.
Signore,
conta qualcosa il fuoco della mia vita? O Signore, medico nella mia infermità.

Dimitris Kosmòpulos

Con la mia pena, pane secco, si è instillata dentro di me la rugiada di Dio.
Un peso leggerissimo mi consolida il cuore. Mi inchino alla Gloria
di Dio. Avverto la mia santa morte. Acqua, pioggia, fiumi, neve –
vento dalle foreste della patria marcisce dentro di me. Chiarore stellare
sul soffitto. E la notte, la morte cacciatrice, mi perde.

Il sole, se è italiano, è pallido con il cuore di ferro,
ma c'è anche il Sole di mezzanotte, acqua allegra e fontana di rosa.
Signore, sovrano della mia vita, ho ricevuto il tuo nome come abito e mantello. Che debito
dovrò saldare, orfano nei quadrivi, vapore, incenso che arde.
Ho avuto nostalgia di un regno, mozzicone di candela, e la tua aura mia uniforme.









Dimitris Kosmòpulos
26 Giugno 2019
Rinvio calcolato
Commenta   Vedi solo questo argomento



Bella esce dal porto la nave. Il fumo rosa
nella polvere d'oro della sera. Dunque,
per quante volte ti abbiano rifiutato o tu abbia rifiutato,
una casa bianca sul colle chiede il tuo sguardo,
un bambino si bagna i piedi in mare sorridendo,
un uccello di notte canta anche per te.
Dunque, rinviamo di nuovo; incoroniamo
sul vetro incrinato questa piccola farfalla.

- Ghiannis RITSOS
Guido Cavalcanti
23 Giugno 2019
I Tempi nuovi
Commenta   Vedi solo questo argomento


Quel che chiamate spirito dei tempi
é in sostanza lo spirito degli uomini
nei quali i tempi si rispecchiano.
E questo è spesso così meschino!

da W. Goethe (Faust) a A. Robecchi
Auroritratto
14 Giugno 2019
Vedi, pensieri e sogni
Commenta   Vedi solo questo argomento



Vedi, pensieri e sogni in un intrico
di fili ci ravvolgono, in una rete mimetica,
e né Dio né i caccia in ricognizione
potranno mai sapere
ciò che vogliamo realmente
e dove il nostro passo è diretto.

Solo la voce che interrogando guizza
si alza ancora sulle cose e resta in aria sospesa,
anche se le granate l’hanno ormai ridotta
come una lacera bandiera,
come una nuvola squarciata.

Vedi, anche noi compiamo rovesciandolo
il cammino dei fiori:
da un calice iniziare tripudiante di luce,
scender giù con lo stelo sempre più cupo,
arrivare nella chiusa terra e attendere un poco,
e finire, radice, nel grembo, nell’oscuro.

- Yehuda AMICHAI

Lapo Giani
14 Giugno 2019
La bellezza creata dalla pena
Commenta   Vedi solo questo argomento



Perché negli occhi giovani ci son fiumi di lacrime?
Perché nei cuori giovani tempeste di sospiri
quando amori più o meno veri muoiono,
pene e timori immaginari incombono?

Si chiede ciò chi ha visto soltanto primavere –
l'aspra voce del tempo agli altri ha già risposto!
Con gli anni aumenta l'infelicità,
che genera egoismo ed avvizzisce

la giovanile tenerezza – in guerra
nell'aspra morsa della Morte gli occhi
del soldato son ciechi all'altrui pena.

E così il disperato al male umano.
Lo spirito ferito trae dal male conforto.
È un cuore torturato che genera il tiranno.

- Patrick Branwell Brontë
Cielo D'Alcamo
13 Giugno 2019
Auguri
Commenta   Vedi solo questo argomento


Il pittore Ayax Mazyrka, detto anche il "Rembrandt della Prozegovina", una delle personalità più significative della storia dell'Arte, non è mai esistito. Le sue opere sono dei falsi e la storia della sua vita è un'invenzione. Che questo sia chiaro fin d'ora. perché è sia il punto di partenza che è il movente di queste mie note. E' soltanto perché a dispetto di ogni incredulità è di importanza fondamentale quel che dico - non certo perché mi sono messo in testa di smascherare i mali esistenti o, addirittura, di correggerli - Nulla è più lontano da me del voler suscitare scalpore . Non sono certo il tipo del Michael Kohlhass, né quello del principe Amleto; sono e resto uno che si accontenta facilmente di ciò che vede e non va ad indagare oltre.
I capolavori di Mazyrka non sono affatto gli unici quadri falsi esposti in Gallerie europee e americane, queste traboccano di falsi: uno qui, uno là, sistemati con mano abile - ma nessuno ne parla perché non rientra nell'ambito della cosiddetta vita di tutti i giorni - E certamente in questi ultimi anni ci sono state altre cose che hanno assorbito in misura crescente l'interesse del pubblico e che - chi mai potrebbe negarlo? - per l'immediato futuro dell'umanità son ben più significative di qualche quadro
falso. --------
"Il pesce puzza sempre dalla testa"




Don Camillo
Voci più recentiVoci più vecchie