Binasco 2000  |   Informazioni  |   Album

Portici è un servizio di community offerto da Binasco2000:
* Per le caratteristiche del servizio, Binasco2000 non può essere considerata responsabile del contenuto delle conversazioni: gli utenti sono gli unici responsabili del loro comportamento nei confronti del servizio stesso, degli altri partecipanti e di terzi.
* Gli amministratori e gli operatori di Binasco2000 possono (ma non ne sono obbligati) intervenire per impedire l'accesso a utenti che hanno un comportamento scorretto.
* E' buona norma che i minorenni non siano "abbandonati" dai genitori durante la navigazione in Rete.


Regole e modalità di inserimento 'voce' -  CLICCA QUI

Utilizzo dei link colorati:
Commenta - per scrivere un post sullo stesso argomento
Vedi solo questo argomento - per visualizzare SOLO i post con lo stesso titolo
Vedi tutti gli argomenti - per visualizzare TUTTI i post
Per introdurre un nuovo argomento cliccare su SCRIVI



Elenco degli ultimi interventi, clicca sul titolo per visualizzare quello che ti interessa
La Maschera
Il sole declina
Istante
Sulla soglia ....

Istante
Istante
Il ministro
La pace delle cose selvagge
Uccidere è facile
Sul finire della sera
Che mangiata!
Che mangiata!
Che mangiata!
Strage di alberi - Stati d´animo
Strage di alberi - Stati d´animo
Vento
Il ministro
Preghiera politica
Sporcizia
Sporcizia
Sporcizia
Più che puoi
La grazia
Vento
Immagine fiabesca
Immagine fiabesca
La menta
Luglio
83 secondo componimento
Immagine fiabesca
Immagine fiabesca
24 LUGLIO 2019
Immagine fiabesca
Immagine fiabesca
Immagine fiabesca
Primi Astronauti
L´Ignorante
Ciò che ti offro
Luglio
Vai a Portici Anno 2000

Voci più recentiVoci più vecchie
23 Luglio 2019
Immagine fiabesca
Commenta   Vedi solo questo argomento


E' vero che sulla luna ci sono andati per finta?
E' vero che la terra è piatta?
E' vero che c'è la fame nel mondo?
E' vero che la ricchezza dell'uomo ha distrutto molte specie animali?
E' vero che quando moriamo c'è solo il buio?
E' vero che il vero nome di Ulisse è Odisseo?

E' vero che ........
E' vero che ........
E' vero che ........

E' vero che l'unica cosa certa è l'INFINITO?

L'estate è lunga, il caldo avanza .... ognuno cerca con mano stanca di fermar la sua ombra .. che sfugge e manca __----
El Topo
23 Luglio 2019
Primi Astronauti
Commenta   Vedi solo questo argomento



I primi astronauti sulla Luna,
due anni e due mesi prima di Armstrong,
due anni e due mesi prima di Aldrin,
furono una colonia di batteri,
un gruppo del tipo streptococcus mitis,
giunti con il Surveyor 3
il 20 aprile del ’67,
poche ore prima che ad Atene si avviassero
i cingolati dei colonnelli.

Rimasero due anni e mezzo sulla luna
rannicchiati nella videocamera dello scafo,
là dove li aveva scagliati forse
lo starnuto di un tecnico o di un meccanico
raffreddato della NASA,
quando il lancio era ancora in cantiere.

Quando l’Apollo 12 ricondusse
di nuovo il congegno sulla Terra,
alla fine di novembre del ’69,
alcuni streptococchi erano ancora vivi.
Per novecento e rotti giorni
erano sopravvissuti alla temperatura
prossima allo zero assoluto, senza
caschi di protezione o altri mezzi,
tute per difenderli dai raggi,
o un corpo caldo per nutrirsi.
Per novecento e rotti giorni
avevano resistito nel deserto.
Profughi di questo pianeta, divennero
i suoi primi coloni in cielo.

La loro conquista passò sotto silenzio,
non fu notizia da prima pagina,
non provocò scalpore alcuno.
Erano i giorni del massacro di My Lai,
le vittime in Vietnam si moltiplicavano,
Panagulis era nel carcere di Boghiati,
le notizie grondavano di sangue e stragi,
quanta simpatia poteva avanzare
per il nostos di pochi batteri comuni,
per l’odissea di questi microbi,
davvero, chi aveva motivo di occuparsene?

Così la vicenda fu archiviata.
Gli esperti parlarono di un “rebus”,
alcuni dubitarono che fosse avvenuto così,
non fu rispettata la quarantena
quando ricuperarono la videocamera del Surveyor,
accadde sicuramente così, senz’altro
gli streptococchi entrarono lì dopo.

Meglio così, forse. Non era giusto
che un evento casuale distogliesse
dalle abbaglianti luci della ribalta
le imprese nostre, degli uomini.
È inglorioso, ingiusto accettare
che semplicemente così, senza fatica
né desiderio, alcuni batteri,
creature tanto insignificanti, fossero diventati,
due anni e due mesi prima di Armstrong,
due anni e due mesi prima di Aldrin,
i primi astronauti sulla Luna,
i primi coloni della Terra sull’Altrove.

2019
Kostas Koutsourelis
19 Luglio 2019
L´Ignorante
Commenta   Vedi solo questo argomento



Più invecchio e più io cresco in ignoranza,
meno possiedo e regno più ho vissuto.
Quello che ho è uno spazio volta a volta
innevato o lucente, mai abitato. E il donatore
dov’è, la guida od il guardiano? Io rimango
nella mia stanza, e taccio (entra il silenzio
come un servo che venga a riordinare),
e attendo che a una a una le menzogne
scompaiano: cosa resta? Cosa rimane a questo moribondo
che gli impedisce ancora di morire? Quale forza
lo fa ancora parlare tra i suoi muri?
Potrei saperlo, io, l’ignaro e l’inquieto? Ma la sento
parlare veramente, e ciò che dice
penetra con il giorno, anche se è vago:

“Come il fuoco, l’amore splende solo
sulla mancanza, e sopra la beltà dei boschi in cenere…”

Philippe Jaccottet
16 Luglio 2019
Ciò che ti offro
Commenta   Vedi solo questo argomento



Nulla di ciò che t’offro
è irraggiungibile:
cieli e solchi d’uccelli, carezze come nubi
– il tuo cuore che batte inimitabile –
Tutto questo è possibile
senza bisogno di fantasticare.

Altro non siamo che argentate tracce
lasciate dalle chiocciole nei luoghi
visitati nei sogni.
E mai nessuno chiederà in che giorno
o in che mese viviamo.

Un lampo che s’incunea dentro il tempo
è quanto ci rimane da salvare.
L’illusione di stare l’un con l’altro.

Nulla di ciò che t’offro
può sembrare impossibile:
pensieri in volo simili ad uccelli,
un ponte teso fra i nostri due mondi.
Francisco Véjar
16 Luglio 2019
Luglio
Commenta   Vedi solo questo argomento


Un'Estate fa,
la storia di noi due,
come nelle favole.
Poi tu,
non cantavi più,
io lavoravo ancora più forte
e
la nostra estate
finiva li,
dentro un temporale
in storie per bambini.
La Formica
4 Luglio 2019
Scrivimi
Commenta   Vedi solo questo argomento


Scrivimi
Quando il vento avrà spogliato gli alberi
Gli altri sono andati al cinema
Ma tu vuoi restare sola
Poca voglia di parlare allora
Scrivimi
Servirà a sentirti meno fragile
Quando nella gente troverai
Solamente indifferenza
Tu non ti dimenticare mai di me
E se non avrai da dire niente di particolare
Non ti devi preoccupare
Io saprò capire
A me basta di sapere
Che mi pensi anche un minuto
Perché io so accontentarmi anche di un semplice saluto
Ci vuole poco
Per sentirsi più vicini
Scrivimi
Quando il cielo sembrerà più limpido
Le giornate ormai si allungano
Ma tu non aspettar la sera
Se hai voglia di cantare
Scrivimi
Anche quando penserai che ti sei innamorata
Se non sai come dire
Se non trovi le parole
Non ti devi preoccupare
Io saprò capire
A me basta di sapere
Che mi pensi anche un minuto
Perché io so accontentarmi anche di un semplice saluto
Ci vuole poco
Per sentirsi più vicini
Scrivimi
Anche quando penserai
Che ti sei innamorata
Tu scrivimi
Nino
1 Luglio 2019
Luglio
Commenta   Vedi solo questo argomento


col bene che voglio, purtroppo finirai hai...hai...hai..
arriverà poi agosto e la vacanza finirà ha..ha...ha...ha!
settembre poi verrà e tutto passerà … a scuola, al lavoro o sotto il Castello
la vita ritornerà ..... Ah!..Ah...Ah!....
Ciao e, ... buone vacanze
La Cicala
28 Giugno 2019
La luce, mutata
Commenta   Vedi solo questo argomento



Non ci vediamo più nella stessa luce,
Non abbiamo più gli stessi occhi, le stesse mani.
L’albero è più vicino, e la voce delle fonti più viva,
I nostri passi sono più profondi, fra i morti.

Dio che non sei, posa la mano sulla nostra spalla,
Sgrossa il nostro corpo col peso del tuo ritorno,
Mescola compiutamente alle nostre anime gli astri,
Le selve, i gridi degli uccelli, le ombre e i giorni.

Rinuncia a te stesso in noi come un frutto si sfrange,
Cancellaci in te. Disvelaci
Il senso misterioso di ciò che è solo semplice
E sarebbe caduto senza fuoco in parole senza amore.




Yves BONNEFOY
27 Giugno 2019
Amleto a Roma
Commenta   Vedi solo questo argomento



Portano le loro teste mozze nei sacchetti del supermercato.
E io stringo i pugni. Ho le tasche piene di pietre.
Figlio mio, Andrjusa, mi vergogno a trovarmi di fronte a te.Dovunque mietono vite.
La tua vita nella mia anima. La mia anima si rannuvola.
Signore,
conta qualcosa il fuoco della mia vita? O Signore, medico nella mia infermità.

Dimitris Kosmòpulos

Con la mia pena, pane secco, si è instillata dentro di me la rugiada di Dio.
Un peso leggerissimo mi consolida il cuore. Mi inchino alla Gloria
di Dio. Avverto la mia santa morte. Acqua, pioggia, fiumi, neve –
vento dalle foreste della patria marcisce dentro di me. Chiarore stellare
sul soffitto. E la notte, la morte cacciatrice, mi perde.

Il sole, se è italiano, è pallido con il cuore di ferro,
ma c'è anche il Sole di mezzanotte, acqua allegra e fontana di rosa.
Signore, sovrano della mia vita, ho ricevuto il tuo nome come abito e mantello. Che debito
dovrò saldare, orfano nei quadrivi, vapore, incenso che arde.
Ho avuto nostalgia di un regno, mozzicone di candela, e la tua aura mia uniforme.









Dimitris Kosmòpulos
26 Giugno 2019
Rinvio calcolato
Commenta   Vedi solo questo argomento



Bella esce dal porto la nave. Il fumo rosa
nella polvere d'oro della sera. Dunque,
per quante volte ti abbiano rifiutato o tu abbia rifiutato,
una casa bianca sul colle chiede il tuo sguardo,
un bambino si bagna i piedi in mare sorridendo,
un uccello di notte canta anche per te.
Dunque, rinviamo di nuovo; incoroniamo
sul vetro incrinato questa piccola farfalla.

- Ghiannis RITSOS
Guido Cavalcanti
Voci più recentiVoci più vecchie