Binasco 2000  |   Informazioni  |   Album
Shorin-Shorei



Luoghi ed orari delle lezioni


Le foto della scuola Shorin-Shorei

Contattaci




L'Associazione Shorin-Shorei, finalizzata all'insegnamento delle arti marziali, nasce a Binasco nel 1978 per la volontà del Maestro Rino Echelli (5° dan di karate e kobudo), e di Teresa Echelli, attuale Presidente dell'associazione. Lo Shorin-Shorei si è sempre distinto, tra le varie scuole di arti marziali, per le sue finalità educative anzichè agonistiche. Infatti, nella nostra scuola si privilegia l'aspetto artistico del karate e del kobudo (che non dimentichiamolo sono arti marziali), piuttosto che la ricerca del campione e della vittoria nelle gare. Questo non vuol dire che poi nelle gare facciamo però una brutta figura, come dimostrano i risultati dei recenti campionati...

Il nome Shorin-Shorei rappresenta un tributo alle tradizioni delle due discipline marziali insegnate: il kobudo ed il karate.

Il kobudo lo studio delle armi tradizionali di Okinawa, e deriva dalle arti cinesi del tempio buddista Shaolin, che pronunciato alla maniera giapponese diventa appunto Shorin, la prima parte del nostro nome. Le armi del kobudo sono derivate dagli attrezzi di uso comune dei contadini e dei pescatori dell'isola di Okinawa, e comprendono il bo, i tonfa, i sai, i kama, ed i nunchaku. Il metodo da noi adottato per l'insegnamento di quest'arte è lo Shorei-Kai, creato dal maestro Toshio Tamano (che vediamo nella foto qui sopra con i nunchaku).

Il koryu kata seiyunchin

Il karate un'arte di combattimento a mani nude sviluppatasi nell'isola di Okinawa quando i giapponesi bandirono l'uso delle armi sull'isola, e rapidamente diffusa in tutto il mondo dopo la seconda guerra mondiale. Il karate tradizionale di Okinawa viene insegnato ormai soltanto da poche scuole, tra cui la scuola Shorei-Kan (letteralmente: "scuola del rispetto e delle buone maniere") dello stile goju-ryu, scuola di cui fa parte anche l'Associazione Shorin-Shorei. Al Maestro Echelli stato recentemente conferito il titolo di Shihan (maestro venerabile) dal caposcuola dello Shorei-Kan, il Maestro Toshio Tamano.

Una terza disciplina, che fino a pochi anni fa era parte integrante dell'allenamento del karate, viene ora insegnata come attività a se stante: il daruma taiso. Questa disciplina, di origine antichissima ma solo di recente codificata in modo chiaro, comprende una serie di esercizi di ginnastica che servono ad aumentare l'energia, la potenza e la scioltezza del corpo e dello spirito.

Le tre discipline vengono insegnate seguendo lo stesso metodo, derivato dalla scuola Shorei-Kan di karate goju-ryu ed in seguito adattato al kobudo ed al daruma taiso. Secondo questo metodo, la lezione si articola in tre parti: nella prima si riscalda e fortifica il corpo con esercizi di ginnastica e stretching presi dal daruma taiso di base; nella seconda si praticano esercizi fondamentali da soli o a coppie; nella terza, per quanto riguarda il karate ed il kobudo, gli allievi vengono divisi per livello e praticano i kata ed i kumite richiesti per i loro esami, mentre nel daruma taiso si praticano esercizi specifici per le diverse parti del corpo. Vi sono poi esercizi speciali, da praticarsi con appositi attrezzi, che vengono eseguiti periodicamente. Gli attrezzi usati sono perlopiù pesi, e servono per rafforzare i diversi muscoli del corpo. I chishi sono costituiti da un peso di cemento fissato all'estremità di un bastone lungo circa mezzo metro, e servono per allenare le braccia e le spalle, soprattutto per quanto riguarda le torsioni. I sashi invece vengono usati per allenare i pugni ed i calci. I kami sono vasi di terracotta che possono venire riempiti di acqua o sabbia per aumentarne il peso, e servono per allenare la presa e la forza delle dita. I tetsuwa sono anelli di ferro con diametro pari alla lunghezza dell'avambraccio, e servono per rinforzare il cinto scapolare e i muscoli della schiena. Il kyukan è un bilanciere che serve per allenare le anche e i muscoli della schiena e delle braccia. Infine, il kongoken è un anello di ferro schiacciato lungo circa un metro e mezzo-due e largo mezzo metro, molto pesante, usato per rinforzare tutto il corpo.

Il compito educativo dello Shorin- Shorei viene preso molto sul serio, tanto che l'associazione ha ricevuto l'approvazione ufficiale per l'insegnamento ai bambini nelle scuole elementari. Inoltre, l'associazione si impegna da sempre in iniziative sociali e benefiche.

ASSOCIAZIONE SPORTIVA